Minori - taxi pompei | autonoleggio pompei | Boccia Taxi Pompei

Vai ai contenuti

Menu principale:

Escursioni
Minori
La Villa romana di MinoriLa cittadina di Minori è ubicata lungo la costa amalfitana e deve il suo nome all’aggettivo che accompagnava il suo nome originario: infatti, era appellata dai Romani "Rheginna" (dal nome del fiume che l'attraversa ancora oggi) cosicché, per distinguerla dalla vicina Maiori, venne detta "Minor".La fondazione dell'abitato è presumibilmente precedente all’arrivo dei Romani, sebbene non esistano testimonianze dirette di tale origine. La maggior parte degli studiosi sono concordi nell’affermare che la sua fondazione risale agli Etruschi, presenti in zona fin dal VII secolo. Di sicuro i Romani occuparono l’area costiera con una serie di ville residenziali di notevole importanza e delle quali ne restano ancora oggi alcuni esempi (una soltanto è al momento visitabile).Numerosi scavi archeologici attestano che Minori, in epoca imperiale romana, doveva certamente essere una notevole località di soggiorno soprattutto "estivo", favorita in questo dalla natura del suo territorio che rendeva facile l'approdo alle "villae" e disagevoli le comunicazioni terrestri per vie montane. L’unica testimonianza archeologica attualmente visitabile è la Villa Romana, risalente al primo secolo d.C., della quale si conserva il pianterreno. Fu scoperta nella primavera del 1932 dal muratore Luigi D'Amato, mentre eseguiva dei lavori nella proprietà del Sig. Alfonso Sammarco. Durante i lavori, infatti, si aprì una grossa buca nel pavimento dando la possibilità di intravedere come, al di sotto, vi fosse un vuoto di apprezzabili dimensioni da dover immediatamente controllare. In seguito all'alluvione del 26 ottobre 1954 la villa fu sepolta nuovamente, e solo successivamente fu messa in luce nella sua possibile interezza.Strutturalmente la Villa è circondata da un vasto cortile su un'area di 2500 metri quadri. Era costituita da due piani comunicanti tramite una scala, parzialmente conservata, di 29 scalini, che andava allargandosi progressivamente verso la base.Originariamente vi era al centro una piscina circondata da un portico su tre lati nel quale è visibile lo stupendo impianto idraulico. Sul quarto lato si affacciava un "ninfeo", salone riccamente ornato di affreschi sulle pareti e stucchi a rilievo nella volta a botte.Di notevole interesse, tecnico oltre che storico, è anche l'impianto termale strettamente connesso a quello idraulico: una tale ricerca di soluzioni tecniche lascia intuire il grande interesse che i Romani, a partire dal I° secolo in poi, nutrirono per quello che per loro era un'attività altamente civile sociale, quale quella delle "thermae".In corrispondenza del piano superiore vi era una terrazza ove è stato riportato alla luce un ambiente con "suspensurae", colonnine di mattoni su cui poggiava il pavimento di ambienti termali riscaldati per la diffusione, nell'intercapedine venutasi così a creare, dei vapori necessari al riscaldamento.Di notevole interesse è anche un "antiquarium" che accoglieva le pitture delle altre ville, un "larario" da Scafati, un cippo funerario a rilevo da Angri e un altro da Nocera, oltre ad anfore, statue, frammenti architettonici e molto altro ancora.Va, infine, segnalato che i lavori eseguiti in seguito all'alluvione per regolare il corso del Reginnolo hanno portato alla luce altre due ville, non visitabili, delle quali una quasi distrutta e l'altra con ambienti ancora ben conservati.La villa è aperta dalle 9 ad un'ora prima del temonto - Ingresso gratuito. 

Clicca QUI per prenotare una escursione a Minori
 
Torna ai contenuti | Torna al menu